PROMETEO BLOG - Prendere il volo - di Adriano Novellini - PROMETEO BLOG - A.S.D. PROMETEO A PROMOZIONE SOCIALE

Vai ai contenuti

Menu principale:

PROMETEO BLOG - Prendere il volo - di Adriano Novellini

A.S.D. PROMETEO A PROMOZIONE SOCIALE
Pubblicato da in Osservazione ·
Tags: osservazioneconsapevolezza


Una cosa che mi piace veramente fare?
Viaggiare! Visitare nuovi posti, conoscere culture e tradizioni diverse è qualcosa che da sempre mi affascina. Certo oggi possediamo tecnologie le quali ci permettono di avere informazioni in tempo reale di qualunque posto nel mondo, possiamo vedere immagini e filmati di luoghi distanti ed immergerci in quelle realtà magari usando un pizzico di fantasia.
Ciò, per chi non ha la possibilità per svariati motivi di potersi muovere è una grande opportunità per informarsi, conoscere, ammirare ed imparare. Ma il vero contatto con un luogo, con le persone che vivono non puoi che farlo poggiandovi sopra i piedi.
Eh, Si! una delle cose più interessanti di un viaggio è proprio il contatto umano. E se devo essere sincero sino in fondo questa è la cosa che più mi manca. Quelle volte che mi sono lanciato in qualche avventuroso viaggio è sempre stato un viaggio molto fai da te, magari un po troppo azzardato. Ed è capitato che la voglia di scoprire ha preso il sopravvento sul cosi detto ”buonsenso” mettendomi in situazioni pericolose. Ho visitato luoghi di una straordinaria bellezza “ magici”.
Eppure la differenza, la vera magia l'hanno sempre fatta le persone che ho incontrato durante queste esperienze.
Vi sono posti dove l'uomo ha realizzato opere magnifiche. Capolavori che i millenni non sono riusciti ad erodere e che stanno lì ancora dinnanzi a noi a mostrarci squarci di un lontano passato.
Simboli di antiche tradizioni e passate conoscenze. Eppure un'opera d'arte, un palazzo, un tempio cos'è se non vi è un osservatore che la ammira? Una città senza un popolo che vi abita cos'è? Un luogo sacro senza persone che in esso si muovono con rispetto e devozione cos'è. Nulla! Solo uno scheletro, un corpo senza cuore, un abito di un passato ormai lontano e non più compreso.
Possiamo ammirare tanta bellezza ma alla fine la differenza la fa l'uomo. Se ci dimentichiamo della centralità dell'essere umano è come se stessimo erigendo la nostra personale opera in un arido e desolato deserto. Viaggiare è meraviglioso. Un viaggio se viene intrapreso con la giusta consapevolezza può diventare una grande opportunità di crescita personale, arricchire mente e cuore.
Vi sono viaggi la cui intensità a volte è tale da “aprire” qualcosa in noi e renderlo visibile e permanente. Non posso che augurare a tutti di Prendere il Volo.
Non solo verso nuovi e splendidi luoghi ma anche verso uno spazio interiore, un viaggio che ci porti a scoprire quali luoghi meravigliosi noi conteniamo senza esserne ancora consapevoli.
La meditazione è uno strumento fondamentale per accedere al nostro interno.
Immobili..fermi...ci muoviamo con una velocità assoluta.

Di Adriano Novellini - Praticante Yoga e Meditazione


Bookmark and Share

Torna ai contenuti | Torna al menu