PROMETEO BLOG - L'equazione di Dirac - di Andrea Di Terlizzi - PROMETEO BLOG - PROMETEO A.S.D. A PROMOZIONE SOCIALE

Vai ai contenuti

Menu principale:

PROMETEO BLOG - L'equazione di Dirac - di Andrea Di Terlizzi

PROMETEO A.S.D. A PROMOZIONE SOCIALE
Pubblicato da in Ricerca ·
Tags: ricercaosservazione



Questa formula, nota come l’equazione di Dirac, dovrebbe esprime una legge profonda e interessante. Dico “dovrebbe”, perché l’equazione esposta, quasi sempre presentata in questo modo, è sbagliata. I significati attribuiti non sono corretti, ma in fondo non ci interessa proprio, perché esprimono una grande verità.
Questo è il testo con cui generalmente è spiegata l’equazione di Dirac:
“Se due sistemi interagiscono fra loro per un certo periodo di tempo e poi vengono separati, non possiamo più descriverli come due sistemi distinti, ma in qualche modo sottile diventano un unico sistema. Quello che accade a uno di loro continua a influenzare l’altro, anche se distanti chilometri o anni luce”.
L’equazione originale si riferisce all’infinitamente piccolo (spazio quantico) e certo non alle persone, come romanticamente si è voluto spesso affermare, definendola “L’equazione dell’amore”.
Eppure, qualcosa di vero esiste anche a livello macrocosmico. Quando due realtà si toccano abbastanza a lungo per influenzarsi reciprocamente, entrambe rimangono “contaminate” l’una dall’altra; e questo processo inizia a produrre cambiamenti. Proprio la natura di tali cambiamenti (evoluzione) fa si che una parte dell’una continuerà a svilupparsi nell’altra. E non esiste distanza o forza che possa impedire questo processo.
La meravigliosa realtà dell’universo in cui viviamo è permeabile per sua natura, perché tutto è uno in una Sostanza o Energia primordiale, che permette la conducibilità reciproca fra miliardi di differenti porzioni che fanno parte dell’insieme.
Nessun pensiero, nessuna azione, nessuna parola, vanno perdute.

Di Andrea Di Terlizzi


Bookmark and Share

Torna ai contenuti | Torna al menu