PROMETEO BLOG - Influenze di tipo C (non è un influenza virale) - di Giuseppe Merlicco - PROMETEO BLOG - A.S.D. PROMETEO A PROMOZIONE SOCIALE

Vai ai contenuti

Menu principale:

PROMETEO BLOG - Influenze di tipo C (non è un influenza virale) - di Giuseppe Merlicco

A.S.D. PROMETEO A PROMOZIONE SOCIALE
Pubblicato da in Consapevolezza ·
Tags: consapevolezzaosservazione



Prendere in mano la propria vita e cominciare a direzionarla con crescente cognizione di causa non è cosa facile. È una conquista.
Ma andiamo con ordine. Da circa un secolo la scienza ha capito che ogni Sistema Vivente è un “sistema chiuso” a livello di organizzazione interna del proprio funzionamento ma, allo stesso tempo, è un “sistema aperto” a livello di scambio energetico.

Ma cosa significa essere un sistema aperto?
Noi esseri umani, ad esempio, attraverso i cinque sensi siamo “aperti” al mondo esterno: vediamo, ascoltiamo, gustiamo….tutto questo è scambio energetico col mondo esterno. Si può dire che siamo esseri permeabili, molto permeabili e influenzabili.
Così, essendo dei sistemi aperti, ed essendo nati come tali, sin dalla nascita la nostra Essenza ha assorbito di tutto: idee, modi di fare, abitudini, usi e costumi...
E anche se è vero che esiste la legge delle affinità, finché la Personalità non è formata - Personalità che dovrebbe fungere da filtro tra il mondo esterno e l’Essenza - è molto facile che assimili (e venga influenzata) anche da elementi estranei non solo alla nostra interiorità ma che siano, addirittura, anche estranei tra di loro (ad esempio le influenze ricevute in famiglia possono essere molto diverse, se non in contrasto, con quelle ricevute a scuola, dalla religione o dagli amici).

La disastrosa conseguenza di anni di un tale “assorbimento indiscriminato e caotico” di influenze esterne, spesso molto diverse tra loro, è caratterizzata da confusione mentale, abitudini contrastanti che ci fanno star male fisicamente ed emotivamente e insicurezza nelle nostre scelte di vita.
Come liberarsene?
A questo punto credo sia bene approfondire un pochino meglio con cosa abbiamo a che fare: cosa sono le influenze?

Ne “La Quarta Via” Ouspensky, parlando degli insegnamenti ricevuti da Gurdjieff, parla molto delle influenze, e le raggruppa in tre tipi: A, B, C.
Le influenze di tipo A sono strettamente materiali: la ricerca di sicurezza economica, fama, potere, godimenti vari, ecc.: cerchiamo questo perché “così fan tutti”.
Le influenze di tipo B a cui un uomo può essere soggetto sono più rare, e gli arrivano dalla Religione, Filosofia, Letteratura, Arte, Scienza….vissute intensamente e nelle giuste circostanze.
Le influenze di tipo A mantengono l’uomo praticamente a livello quasi animalesco; mentre quelle B lo aiutano a elevarsi coscienzialmente e gli offrono la possibilità di cominciare a farsi domande “serie” sulla vita e su se stesso. Le influenze B gli offrono la rara possibilità di fare i primi passi per divenire autocosciente e responsabile dei propri pensieri e gesti.
Poiché sin dalla remota antichità nelle religioni, nella letteratura e in tutte le forme d’arte, sono contenute preziose indicazioni utili alla conoscenza di sé e alla vera natura del mondo, se una persona approfondisce molto seriamente una di queste influenze B può strutturare in sé il “Centro Magnetico”.

Il Centro Magnetico – o Centro di Gravità Permanente, come lo chiamava Battiato – è una “associazione” di molte parti di noi (i molti io) che cominciano a dare una direzione più stabile al nostro procedere nella vita e alle nostre scelte.
Ma questo non basta: se un simile uomo (o donna) non incontra influenze dirette di tipo C il suo progresso sarà molto lento e incerto. Solo a contatto diretto con influenze C il progresso diviene più rapido e “quasi sicuro” (perché non vi è mai certezza in nulla).
Le influenze di tipo C sono molto rare a trovarsi, perché sono sempre dirette e sostenute da Esseri di alta levatura coscienziale e sapienziale. Gurdjieff parlava di Scuole. Sicuramente è difficile trovare una di queste Scuole, difficile trovare un essere di tipo C, difficile…ma non impossibile.

Non per nulla è stato detto: “Cercate e troverete, chiedete e vi sarà dato, bussate e vi sarà aperto”.
A questo punto resta solo da chiedersi cosa desideriamo veramente…

Di Giuseppe Merlicco - Insegnante Yoga e Meditazione - Torino

Bookmark and Share

Torna ai contenuti | Torna al menu