PROMETEO BLOG - Conflitto - di Andrea Di Terlizzi - PROMETEO BLOG - A.S.D. PROMETEO A PROMOZIONE SOCIALE

Vai ai contenuti

Menu principale:

PROMETEO BLOG - Conflitto - di Andrea Di Terlizzi

A.S.D. PROMETEO A PROMOZIONE SOCIALE
Pubblicato da in Osservazione ·
Tags: osservazioneconsapevolezza



In tutto il mondo stanno aumentando i conflitti e gli scontri ideologici e quasi sempre (ma non sempre) dietro ad essi esistono motivazioni economiche e lotte di potere. E sempre, la gente comune tende a schierarsi.
Dietro ad ogni forma conflittuale esiste un modo di pensare ed una ideologia e quando non esistono come matrice fondamentale (perché la vera matrice sono gli interessi), allora vengono opportunamente create e propagandate per far leva sulle emozioni e sulle paure, per oscurare la luce della ragione e la sensibilità del cuore.
La realtà è che la falsa fede in un ideale, in una religione, in un guru, in un partito politico, o in qualsivoglia schieramento di pensiero, è il meccanismo adottato da sempre per mettere una divisa alle persone e farle marciare “unite” in nome di qualcosa (per il fine preciso di chi promulga quella visione).
Esiste un solo modo per sanare i conflitti: rifiutarli. Rifiutare di prendervi parte, di schierarsi, di credere alla favola di essere nel giusto.
La vita è una cosa complessa ed è molto difficile valutare il giusto e lo sbagliato. Diventa poi una vera e pericolosa tragedia quando accettiamo da altri le nozioni di vero e falso, e ancor peggio se questo avviene solo ed esclusivamente per le nostre paure e i nostri bisogni.
Il cambiamento potrà avvenire solo quando crescerà il numero di coloro che comprenderanno quanto sia insano creare fazioni e mettere le persone contro le persone. Accade tutti i giorni tra di noi, fra la gente comune; come si può pensare, poi, di poter sanare i dissidi fra nazioni e religioni?
Quando l’energia conflittuale cresce oltre una certa misura accade sempre il peggio, che in seguito sarà freddamente e tardivamente disquisito dagli storici delle successive generazioni.
Quante belle e inutili parole nelle religioni e nelle moderne filosofie: amore, fratellanza, verità, e così via. Parole declamate e raramente vissute.
Non è dai leader politici, dai capi religiosi, dai predicatori di novelle verità, che si deve attendere il cambiamento, ma dalla propria coscienza e dal coraggio di rinunciare a farsi forza attraverso un’ideologia o una fede, accettate per paura e smarrimento.
La realtà della vita è cruda.
Meravigliosa e cruda.
Non è possibile capire tutto, ma esistono cose che ognuno può sentire in cuor suo come contrastanti le basilari leggi di fratellanza, amorevolezza e ragionevolezza. Si potrebbe partire da qui, ogni giorno e con chiunque. Perché le grandi onde di pensiero che si muovono nel modo portando verso la pace o il conflitto, sono anche la somma di tutto ciò che ognuno di noi emana in ogni santo minuto della sua vita.

Di Andrea Di Terlizzi


Bookmark and Share

Torna ai contenuti | Torna al menu