PROMETEO BLOG - Nevrosi e rilassamento - di Giuseppe Merlicco - PROMETEO BLOG - A.S.D. PROMETEO A PROMOZIONE SOCIALE

Vai ai contenuti

Menu principale:

PROMETEO BLOG - Nevrosi e rilassamento - di Giuseppe Merlicco

A.S.D. PROMETEO A PROMOZIONE SOCIALE
Pubblicato da in Osservazione ·
Tags: osservazioneconsapevolezza


Volersi bene non e' cosa semplice. E se non sappiamo come voler bene a noi stessi difficilmente potremo farlo con gli altri.
Per volersi bene, per fare il proprio bene, e' prima di tutto necessario individuare cosa c'e' che non va in noi, e poi sapere come liberarsi del problema.

Ad esempio, da alcuni decenni gli psicanalisti hanno lanciato il grido d'allarme: l'uomo moderno oscilla costantemente tra la nevrosi e la depressione. E quando gli esperti fanno riferimento all'uomo moderno non intendono solo i casi piu' evidenti e disperati, ma a tutti gli esseri umani indistintamente.

Prendiamo la nevrosi: siamo tutti nevrotici solo che non vogliamo accettarlo, oppure, semplicemente non abbiamo le idee chiare su cosa sia la nevrosi. Soffriamo ma non abbiamo consapevolezza dei nostri processi fisici e psicologici nevrotici.

Ma cos'e' la nevrosi?
La nevrosi e' un 'conflitto interno' tra cio' che siamo e cio' che vorremmo essere. E chi di noi, in tutta sincerita, puo dire di non vivere mai conflitti interni?
In 'Paura di vivere', Alexander Lowen ci dice: “L’individuo nevrotico e’ in conflitto con se stesso. Una parte del suo essere cerca di dominarne un’altra. Il suo Io tenta di sottomettere il corpo; il suo pensiero razionale di controllare le emozioni; la sua volonta' di superare paure e angosce...

...Sebbene questo conflitto sia per lo piu' inconscio, il suo effetto e' di esaurire le energie di una persona e di distruggere la pace della mente...

La nevrosi e' conflitto interno. Il carattere nevrotico assume forme diverse, ma tutte implicano una lotta all'interno dell'individuo tra quello che e' e quello che crede di essere...
Di solito non si definisce la nevrosi come paura della vita, ma e' proprio quello che e': il nevrotico ha paura di aprire il proprio cuore all'amore, paura di scoprirsi o di farsi valere, paura di essere pienamente se stesso...

...La repressione dei sentimenti si ripercuote nel corpo. Il meccanismo di questa repressione e' lo sviluppo di una tensione muscolare cronica, che blocca i movimenti atti a esprimere un'emozione".
Da questa consapevolezza dell’origine delle tensioni muscolari croniche come ultimo anello di una catena che sorge da atteggiamenti mentali distorti, si puo’ piu’ facilmente arrivare a riconoscere l’immensa importanza del rilassamento.

Il rilassamento e’ un'arte antica e profonda con molte sfumature (evidentemente le nevrosi non sono cosi' moderne come si crede) e richiede una costante applicazione.
Pratiche yogiche, meditative o di tai chi sono fondate sulla capacita' di rilassarsi consapevolmente, sempre piu' in profondita', pur rimanendo attivi.
Vi sono numerosi metodi di rilassamento corporeo, del respiro e di 'liberazione' della mente dall'incessante movimento contraddittorio dei pensieri disturbanti.
Man mano che ci si alleggerisce dalle tensioni croniche, dai conflitti, dalle ossessioni - fisiche e mentali - si sperimenta sempre piu' un senso di leggerezza, benessere e liberta' di movimento e di espressione...provando una sensazione diffusa di piacere impareggiabile.

Ognuno di noi ha il diritto di essere felice, e i metodi ci sono, perche' non approfittare?

Di Giuseppe Merlicco - Insegnante Yoga e Meditazione Prometeo - Torino


Bookmark and Share

Torna ai contenuti | Torna al menu