PROMETEO BLOG - Lo yoga e il desiderio - di Di Terlizzi Andrea - PROMETEO BLOG - PROMETEO A.S.D. A PROMOZIONE SOCIALE

Vai ai contenuti

Menu principale:

PROMETEO BLOG - Lo yoga e il desiderio - di Di Terlizzi Andrea

PROMETEO A.S.D. A PROMOZIONE SOCIALE
Pubblicato da in Yoga ·
Tags: yogaosservazioneconsapevolezza


L'intensità, nello yoga come in qualsiasi altra cosa, dipende da un fattore molto rilevante, forse, il più rilevante fra tutti: il DESIDERIO.

Il desiderio muove l'energia di tutto ciò che esiste. Ma esiste un aspetto di questa qualità che è tanto elementare quanto fondamentale: si desidera solo ciò che si vede. Quello che al di fuori della nostra percezione non possiamo desiderarlo perché il desiderio è la traenza a toccare, assaporare, unirsi a ciò che di desiderabile appare alla nostra coscienza.
Ciò che si pone al di fuori della nostra percezione coscienziale di fatto per noi non esiste.

Qui, risiede un importante segreto: lo yoga nasce per consentire la realizzazione di ciò che trascende le percezioni ordinarie. Ma quando si inizia la pratica ciò che sta oltre queste percezioni ordinarie non è alla nostra vista e quindi non può essere veramente desiderato.
Eppure, questo desiderio condurrebbe a una pratica intensa e piena di passione.
Molto spesso il desiderio è confuso con un interesse mentale: o un attrazione intellettuale oppure un piacere per il benessere che deriva da ciò che si fa.

Ma il desiderio è un'altra cosa. Chiunque abbia desiderato profondamente unirsi per amore a una donna o un uomo, ha sperimentato almeno un aspetto del desiderio e sa perfettamente che travalica ogni linea logica e penetra nella carne, nel sangue e nelle ossa.

Lo yoga è fuoco e per praticarlo intensamente occorre diventare fuoco noi stessi, ma senza desiderio non può esserci fuoco.
Qual’ è la soluzione?
Leggere di queste esperienze, guardare chi è più avanzato e sintonizzarsi su ciò che di bello in quella persona si coglie, riflettere su ogni sensazione positiva che si sperimenta nella pratica, insomma agganciarsi a tutto quello che ci appare abbastanza desiderabile per far nascere nel tempo questo desiderio di toccarlo, di sperimentarlo, di realizzarlo.

Non tutto arriva subito, talvolta le cose più profonde e importanti arrivano dopo molto tempo. Ciò che conta però, è non confondere una cosa con l'altra. Si realizza e si raggiunge ciò che si desidera e ognuno deve comprendere che cosa desidera.
Se desidera il benessere emotivo e la salute, otterrà il benessere e la salute. Se desidera vedere oltre l'orizzonte dell'illusione, troverà ciò che gli altri non conoscono.

di Di Terlizzi Andrea


Bookmark and Share

Torna ai contenuti | Torna al menu