PROMETEO BLOG - Menopausa (1°parte) - di Walter Falletti - PROMETEO BLOG - PROMETEO A.S.D. A PROMOZIONE SOCIALE

Vai ai contenuti

Menu principale:

PROMETEO BLOG - Menopausa (1°parte) - di Walter Falletti

PROMETEO A.S.D. A PROMOZIONE SOCIALE
Pubblicato da in Medicina alternativa ·
Tags: medicinaosservazione



Secondo la Medicina cinese l’esistenza di un essere umano può essere inserita in un ritmo numerologico :
il 7 per la donna, l’8 per l’uomo.
Vi sono due momenti importanti nella fisiologia della donna, e sono il 2 volte 7, la pubertà, ed il 7 volte 7, la menopausa.
Dopo la nascita il primo passaggio importante chiamato “la prima porta” determina un momento di trasformazione dall’infanzia all’età fertile.
Successivamente i periodi di 7 anni riguardano la fecondità e la trasmissione della vita fino al completamento del ciclo di 7 volte 7 in cui avviene la conclusione del periodo in cui la donna si è dedicata alla famiglia, ai figli, all’umanità, a perpetuare la vita e quindi ora è il momento di rivolgersi a se stessa ed alla sua crescita e maturazione spirituale e saggezza.
Questo secondo passaggio viene chiamato “la seconda porta”.
Tanto si è indagato e studiato su questo argomento in ogni cultura del pianeta.
Nel “De Passionibus Mulierum Curandarum”, Trotula de Ruggiero la prima donna medico della scuola medica salernitana, nel 1100 scriveva:
“le mestruazioni che il volgo chiama "fiori" avvengono nelle donne tra i dodici e i tredici anni, durano fino al cinquantesimo anno se è il caso di una donna magra; se lo è di una donna umida, fino al sessantesimo o sessantacinquesimo e quando si tratta di donne moderatamente pingui fino al quarantacinquesimo”,
e ancora “come gli alberi non producono frutti senza fiori, così le donne senza i loro specifici fiori sono private della loro funzione di procreare”.
Tornando ai giorni nostri, dobbiamo mettere in evidenza il fatto che in una donna veramente sana il cambiamento che avviene in menopausa dovrebbe essere senza sintomi spiacevoli.
L’unico segno del cambiamento in atto è la cessazione del flusso mestruale che però non dovrebbe ridurre la sua capacità fisica, la sua femminilità o il piacere sessuale.
Poiché l’atteggiamento mentale riveste un ruolo considerevole nella risposta fisica alla menopausa, può essere d’aiuto comprendere esattamente i cambiamenti in atto, in ogni caso ogni donna dovrebbe essere considerata nella sua individualità.
C’è da osservare, ma è un fattore del tutto naturale in questo periodo particolare, che l’intera catena delle ghiandole endocrine è disturbata, in particolare le ovaie, la tiroide, e l’ipofisi.
Inoltre abbiamo modifiche nella pelle, negli organi genitali, nella regione della vescica, e modifiche del seno.
Purtroppo a causa di uno stato di salute non ottimale, molte donne avvertono manifestazioni fisiche emotive e nervose angoscianti e pesanti, dovute a problematiche pregresse che ci si porta dietro da anni, ed a causa di errori dietetici ed uno stile di vita errato, per interventi chirurgici precedenti, anche di rimozione delle ovaie, e di esposizione a raggi X e radiazioni in eccesso.
Il fattore preventivo almeno a partire dai 40 anni è fondamentale; esso riguarda una equilibrata alimentazione ed assimilazione di vitamine e di minerali, ed una ricerca di uno stile di vita più armonico insieme ad una adeguata attività fisica.
Fra le tante manifestazioni derivanti dalla mancanza di un normale equilibrio ormonale, che qui non citerò per mancanza di spazio e non essendo la sede idonea, può insorgere un grave mal di schiena, causato da un assottigliamento delle ossa derivante dal basso livello di estrogeni nel sangue, che può portare ad un crollo di una o più vertebre.
In medicina cinese la menopausa è ampiamente analizzata e trattata ed è considerata un armonico evento di trasformazione; ritengo interessante citare brevemente lo studio circa l’atteggiamento nei confronti dei cambiamenti a seconda della personalità e della costituzione energetica della paziente e secondo la legge dei 5 elementi :
- il tipo Cuore (FUOCO): può assumere due atteggiamenti opposti, può divenire ipomaniacale e iperattiva o solitaria e depressa.
La donna deve cogliere il dono del fuoco che si manifesta con un nuovo livello di consapevolezza e con un nuovo entusiasmo per la vita, così si sente in pace con se stessa. (I sintomi possono essere ansia, insonnia, cardiopalmo, sudorazione).
- il tipo Milza (TERRA): può essere insicura, preoccupata per se stessa, può sentirsi vuota e rifiutata. Il dono della terra consisterà nell’imparare a prendersi cura di sé e degli altri, nutrire e nutrirsi senza rapporti di mutua dipendenza. (I sintomi possono essere gastralgie, stipsi, meteorismo).
- il tipo Polmone (METALLO): cerca di evitare i cambiamenti restando ancorata al vecchio modello di vita, tende a mantenere l’identità precedente. Se riesce a lasciarsi andare il dono del metallo sarà quello di una profonda intuizione e di una grande saggezza, non più inquinate dalla confusione e dai dolori del passato. ( I sintomi possono essere oppressione, dispnea, orticaria).
- il tipo Reni (ACQUA): tende ad ignorare i cambiamenti, teme l’ignoto, teme di perdere il proprio fascino fisico e di invecchiare. Il dono dell’acqua sta nel superamento della paura che permette di scoprire una nuova forza ed una nuova identità. (I sintomi possono essere lombalgie, artralgie, astenia, acufeni).
- il tipo Fegato (LEGNO): tende a reagire con facile irritabilità e rabbia, tale emozione può essere espressa o repressa, oppure può tendere alla depressione. Il dono del legno permette di accettare i cambiamenti sviluppando l’intuizione e l’abilità di muoversi in modo armonioso nella vita. (I sintomi possono essere cefalea, mialgie, crampi muscolari, capogiri).
Inoltre secondo Jeremy Ross, la paziente Yin tenderà a restare legata al passato ed a staccarsi dal presente mentre, la paziente Yang sarà iperattiva e non si porrà domande sul cambiamento.
Il terreno sul quale si sviluppa la sintomatologia climaterica è in definitiva il depauperamento delle due radici del Rene Yin e Yang. Poiché non è possibile intervenire sul fisiologico depauperamento del Rene si dovrà agire tonificando la Milza, modulando il Fegato e riequilibrando i laghi energetici di riserva: Chong Mai e Ren Mai.

Di W.Falletti OMD - Oriental Medicine Doctor


Bookmark and Share

Torna ai contenuti | Torna al menu