PROMETEO BLOG - L'importanza di una alimentazione equilibrata (parte prima) - di W. Falletti - PROMETEO BLOG - PROMETEO A.S.D. A PROMOZIONE SOCIALE

Vai ai contenuti

Menu principale:

PROMETEO BLOG - L'importanza di una alimentazione equilibrata (parte prima) - di W. Falletti

PROMETEO A.S.D. A PROMOZIONE SOCIALE
Pubblicato da in Alimentazione ·
Tags: alimentazioneacidosi



Alcune cose da tenere presente per una alimentazione equilibrata.
L'Acidità.
L’acidità è il risultato di un processo metabolico che se controllato ristabilisce un giusto equilibrio all'organismo, quando non lo é, siamo sbilanciati e andiamo in acidosi.

I sintomi dell’acidosi metabolica possono essere la stanchezza, stati infiammatori nei tessuti, sofferenza della mielina e del sistema nervoso, aumento dei radicali liberi, eccessivo pallore, mal di testa, dolori reumatici, nevralgia. Le cause dell’acidosi possono essere per esempio l’assunzione eccessiva di alimenti acidificanti, come : lo zucchero bianco, vino, uova, soia, segale, prugna (fresca e secca), porro, pollo, pistacchio, noci, nocciole, mais e polenta, oli idrogenati, manzo e vitello, maiale, liquori, gelati cremosi, fritti, formaggi, dolcificanti artificiali, crusca d’avena, cozze, vongole, confetture con zucchero bianco, caseina (formaggi etc.),carrube, cacao, cioccolato, burro, birra, avena, aragosta e crostacei, alcool.Altre cause di acidosi possono essere la carenza di vitamine e di oligoelementi, di sostanze chelanti provenienti da inquinamento, la scarsa ossigenazione, l’insufficienza funzionale endocrina, il sovraffaticamento fisico, i disturbi degli organi immunitari (insufficienza renale), l’assunzione di farmaci chimici, gli stati psicologici negativi come stress, collera, preoccupazione e paura.
Il PH è una scala di misura dell'acidità o della basicità di una soluzione acquosa. Il corpo riequilibra il PH attingendo da una riserva di calcio nel corpo rappresentata dalle ossa per questo motivo un eccessiva alimentazione di latticini può provocare un indebolimento delle ossa fino a sfociare nell’osteoporosi.
Il PH del nostro corpo può essere tenuto sotto controllo con una misura quotidiana delle urine attraverso l’uso di una cartina tornasole al mattino appena alzati, il PH delle urine dovrà essere 7 o superiore a 7.
Per riequilibrare il PH bisogna bere molta acqua, fare attività fisica, imparare a respirare, imparare a rilassarsi, sostenere una dieta equilibrata con cibi : acidificanti, neutri e alcalinizzanti.
Gli alimenti alcalini sono per esempio lo zucchino, topinanbur, senape (foglie e germogli), semi di papavero, salsa di soia, sale marino, radicchio verde e rosso, prezzemolo, pompelmo, pomodoro, piselli mangiatutto (taccole), peperoni, patate dolci, papaia, more, melone, melassa, mango, mandarini, limone limetta, lenticchie, lamponi. Indivia, yogurt magro, fagiolini, cavolo verza e rapello, castagna, cannella, broccoli, anguria, alghe marine, aglio, acqua pura non gasata.
Alimenti neutri sono per esempio lo zucchero integrale, zucca, uva e uva passa, uova (il tuorlo), tacchino, riso (d’acqua e integrale), pesche, pesce, pere, patate, olio di oliva biologici spremuti a freddo, mirtilli, miele, mele, melanzane, limoni, lattuga, latte (vaccino e caprino) intero, grano saraceno, grano, pane e pasta integrale, fragole, formaggio di capra, fichi, fagioli (freschi e secchi) e fave, datteri, cipolle, ciliegie, carote, cavolfiore, banane, arance, ananas, albicocche (fresca e secca).
Bisogna ricordare che alcuni cibi come i latticini misurati come neutri, quando sono all’interno del nostro corpo diventano acidi, il limone ad esempio da acido diventa basico una volta mangiato, anche se in realtà è un equilibratore dell’organismo, non è così per l’arancio che rimane acido.
Per basificare un organismo acido bisogna bere molta acqua 1,5/2 litri al giorno, mangiare molta verdura fresca prima dei pasti (alcalinizzante), fare attività fisica moderata mezzora al giorno di camminata veloce, troppa attività fisica porta all’acidosi, praticare yoga, in modo da tenere in uno stato di relax l’organismo.In generale i cereali portano acidità, ognuno in modo diverso dall’altro, ed inoltre da soli non creano proteine fruibili dall’organismo ma se aggiungiamo i legumi (alcalinizzanti) possiamo equilibrare il valore acido basico e costruire le proteine necessarie.
Saltuariamente si possono in caso di bisogno usare sostanze alcalinizzanti deacidificanti, come il bicarbonato, mezzo cucchiaino, o meglio il citrato di sodio.
Per un uso prolungato è meglio utilizzare sostanze a basso contenuto di sodio.

Di W. Falletti - OMD Oriental Medicine Doctor



Bookmark and Share

Torna ai contenuti | Torna al menu