PROMETEO BLOG - Senso estetico - di Adriano Novellini - PROMETEO BLOG - PROMETEO A.S.D. A PROMOZIONE SOCIALE

Vai ai contenuti

Menu principale:

PROMETEO BLOG - Senso estetico - di Adriano Novellini

PROMETEO A.S.D. A PROMOZIONE SOCIALE
Pubblicato da in Osservazione ·
Tags: osservazionericerca



Ho vissuto per diversi anni a Venezia e quando ho la possibilità di farvi ritorno è sempre un momento di piacere. In questa città ho lasciato molti ricordi. Amicizie, amori, momenti goliardici....
Posso dire di conoscere abbastanza bene la città, i suoi calli, le piazzette, le zone di ritrovo degli studenti, gli itinerari dei turisti ed i luoghi meno battuti. Eppure ogni qualvolta ritorno, Venezia riesce
sempre a sorprendermi.
Camminare per le calli è un'esperienza unica. Non sai mai alla fine del percorso cosa ti apparirà davanti agli occhi. Ogni strada nasconde scorci stupendi, ogni angolo è una sorpresa.
Un'infinità di spazi celati allo sguardo d'insieme. Questa è Venezia, questa è la sua magia.
Fatevi un giro in vaporetto. Quello che si aprirà dinanzi a voi nel sinuoso percorso del Canal Grande è una scenografia da "mille e una notte". Provate questa esperienza, magari all'imbrunire.
Le architetture avvolte dai riflessi di luci e ombre vi lasceranno senza fiato. Lasciatevi attraversare dalle emozioni, ascoltatele, gustatele.
Passeggiate per un piccolo calle e all'improvviso inaspettatamente dinnanzi a voi appare piazza S Marco.
La prima volta è un colpo al cuore, gli occhi si sgranano davanti a tanta bellezza.
Ho avuto l'occasione di vederla d'inverno, con l'acqua alta. La piazza non ha più un limite, si protende all'infinito nella laguna e i palazzi paiono emergere dal mare. La sensazione è strana, come se tutto fosse "sospeso nel tempo".
Provate ad immaginare Venezia ai tempi del suo massimo splendore, immaginate chi arrivava dal mare per approdare al molo della piazza. Gli si mostrava una scena unica al mondo. Davanti a lui il Palazzo dei Dogi con le sue mirabili decorazioni geometriche in marmo rosa e le bifore, di rara maestria, in gotico
lombardo. Quanta bellezza. Quanta eleganza. Quanta magnificenza.
Sviluppare un senso estetico è importante. Sviluppare una sensibilità estetica significa imparare ad osservare ogni cosa in modo meno superficiale. Significa acquisire maggiore consapevolezza.
Saper segliere è importante in ogni ambito della vita. Imparare a scegliere, semplicemente, un abito, un paio di scarpe ,un orologio, non perche qualcuno ci ha detto che è trendy , ma perche veramente ci piace aldilà dei condizionamenti delle mode sviluppa in noi nuove capacità e con esse nuove possibilità.
Imparare a mettersi in discussione; comprendere che il detto: "non è bello ciò che è bello , ma è bello ciò che piace" non sempre è vero, è fondamentale. Dobbiamo sviluppare una capacità di
"leggere le cose" sempre meno soggettiva, perche solo in questo modo, passo dopo passo potremo avvicinarci sempre più, usando una frase di Guglielmo Postel, alla "Verità delle cose nascoste".

Di Adriano Novellini - Praticante Yoga e Meditazione


Bookmark and Share

Torna ai contenuti | Torna al menu