PROMETEO BLOG - Mani consapevoli - di Antonella Spotti - PROMETEO BLOG - PROMETEO A.S.D. A PROMOZIONE SOCIALE

Vai ai contenuti

Menu principale:

PROMETEO BLOG - Mani consapevoli - di Antonella Spotti

PROMETEO A.S.D. A PROMOZIONE SOCIALE
Pubblicato da in Yoga ·
Tags: yogaosservazione



Durante la pratica dello yoga è interessante osservare come durante il rilassamento alcune persone fatichino a lasciarsi andare.
Per alcune è addirittura difficile coricarsi, completamente abbandonate, a terra, sul tappetino.
Shavasana sembra facile, ma in realtà molti non divaricano i piedi e non lasciano andare le punte verso i lati.
Altri non ruotano le mani verso l’alto, ma le tengono con il palmo verso il basso.
Altri restano con le spalle spinte verso l’alto.
Altri tengono la testa all’indietro, inarcando il collo.
Altri restano con gli occhi sbarrati.
Man mano che faccio osservare le varie tensioni, man mano correggono la posizione ed entrano progressivamente nel rilassamento.
Ma nonostante il corpo si rilassi alcune tensioni interne permangono.
Sono generate dai nostri condizionamenti, dei nostri giudizi, dalle nostre paure. Morse invisibili, ma tenaci, sedimentate in anni e anni.
I nostri condizionamenti sono molto profondi, e tra questi è interessante osservare quello della “polvere”. Alcune persone cercano di non uscire con le mani dal tappetino, per non toccare il pavimento, sul quale con tutta probabilità la polvere c’è. Questo non deriva dal fatto che siamo stati educati al concetto di pulizia (doveroso), ma siamo stati educati alla paura dello “sporco” e ad essere giudicati se siamo sporchi. Ci hanno condizionati ad aver paura dei germi e dei batteri portatori di malattie. Ma se proprio vogliamo mettere i puntini sulle “i” il denaro e qualsiasi scorrimano è molto “inquinato” , ma certo non ci laviamo le mani ogni volta che mettiamo una moneta in un distributore di ticket per il parcheggio, e magari subito dopo andiamo a prendere un aperitivo. Ci hanno condizionato ad aver paura di ciò che non è pulito ed è molto liberatorio combatterla semplicemente lasciando che le nostre mani vadano sul pavimento a lato del tappetino, durante il rilassamento. Consapevoli di ciò che stiamo facendo.
Si sperimenta una piacevole leggerezza nel liberarsi da un condizionamento ...almeno per un po’.

Di Antonella Spotti - Arte della Consapevolezza


Bookmark and Share

Torna ai contenuti | Torna al menu